sabato 26 gennaio 2013

La follia


È strano come una telefonata possa portarti alle stelle, 
mentre un'altra possa portarti alle stalle.
Posso dire che ci sono rimasto male?
È stata un po' una vigliaccata, la tua.
Ci sono rimasto male perché sono sempre stato corretto con te.
Pensavo fossi una mia amica, una vera amica.
Questa tua omissione vigliacca
mi lascia l'amaro in bocca.
T'ho già perdonato mentre scrivo questo post bislacco,
ma ciò non toglie che la prossima volta ci penserò due volte 
a condividere le mie informazioni con te
e la mia disponibilità ad aiutarti:
 è la disoccupazione baby!
È solo la follia pura!

Ora, però, sono alle prese con il mio profondo senso di inadeguatezza,
ma prima cazzìo la mia immensa ingenuità.


Antonio Vivaldi - "La Follia" Sonata N. 12, Op 1, Rv 63

8 commenti:

  1. Oddio: IMMEDESIMAZIONE PAZZESCA!!! :O

    RispondiElimina
  2. Non prendertela con te! ;) te lo proibisco.
    Non conosco la situazione e non esprimo giudizi, ma un po' di amor proprio, bisogna mantenerlo.
    Altrimenti si finisce per essere lo zerbino di tutti.

    RispondiElimina
  3. Si tratta del cosiddetto TEMA CON VARIAZIONI.
    Il tema è esposto da 0.00 a 0.48.
    Seguono le variazioni.
    L'organico è il seguente: due violini, violoncello, liuto e clavicembalo.
    :-)

    RispondiElimina
  4. Be'... in genere, quando penso al tema con variazioni, non penso a Vivaldi...

    http://www.youtube.com/watch?v=V2VeNiKpY0s

    ... altrimenti, che razza di tardoromantico sarei?

    ;-)

    RispondiElimina