mercoledì 13 giugno 2012

Bolle di sapone


Sono tornato a casa da Torino, sabato mattina alle 8:30 circa, dopo quasi 16 ore di pullman, passando prima per la provincia di Asti, poi quella di Alessandria con fermata in città, poi un'altra fermata a Genova, vista dal pullman in quasi un'ora; e poi non ricordo più perché era buio e non riconoscevo le località, man mano che scendevamo verso sud. È stato un viaggio strano, in una settimana strana, in un periodo strano. Forse anche per questo non riesco ad aggiornare il blog, ho quasi un blocco, un mix di pudore-apatia-confusione-incapacità. Mi sembra di stare sulle montagne russe: un secondo prima sto su in cima e sto bene, l'attimo dopo sono giù che precipito nell'abisso più oscuro, poi di nuovo su, poi giù e così via. Ho l'umore altalenante e ballerino. Ero in un certo qual senso riuscito a trovare un mio equilibrio precario e inaspettatamente ero riuscito a ritornare con inaspettate energie, poi... un po' di disguidi, un po' di problemi, incazzature varie, un po' di tutto e queste energie sono svanite, dissolte nel nulla. Ora sto come in una bolla, incapace di dare un senso alle mie giornate: un attimo prima sono indaffarato a progettare qualcosa e a fare, l'attimo dopo sono in preda all'apatia più totale. Eppure avrei tanto da dire, da raccontare, da scrivere; ma ho un po' paura di fare involontariamente del male: sia a me che agli altri. È una piccola fatica scrivere questo post, ma da qualche parte si deve pur ricominciare. Faccio un passo avanti e uno indietro, quindi rimango immobile. Non riesco più a capirmi. Se non ci riesco io a capirmi, figuriamoci gli altri. Non ho la più pallida idea di cosa fare, dove andare e boh! Vorrei che tutto fosse più semplice, dannatamente più semplice. Vorrei avere la leggerezza e quella semplice gioia fanciullesca di fare le bolle di sapone senza pensare a niente.


 [...] le mille bolle blu
e vanno leggere, vanno
si rincorrono, salgono
scendono per il ciel.
Blu, le mille bolle blu.
Blu, le vedo intorno a me.
Blu, le mille bolle blu
che volano e volano e volano.
Blu, le mille bolle blu, blu
mi sento dondolar
blu, tra mille bolle blu che danzano
su grappoli di nuvole [...]

20 commenti:

  1. Tesoro, hai una cosa gravissima che richiede una cura immediata: si chiama STANCHEZZA!!!
    Stanchezza non solo fisica, ma anche mentale: hai bisogno di riposare, di far riposare la testa.
    Pensaci... :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente hai ragione, ma ho dimenticato come si fa.

      Elimina
    2. qui si necessita di una bella chiacchierata...

      Elimina
    3. Appena ne avrò le forze ti aggiornerò. ;)

      Elimina
  2. Eh... in certi momenti non si è nemmeno più certi del proprio nome, figurarsi del resto.
    Ha ragione Velia, cerca di riposare bene, perché la stanchezza fisica annebbia molto la capacità di giudizio.
    Però cerca di sfogarti, qui o con qualcuno. Credo sia l'unico sforzo che vale la pena di fare, per ricominciare.
    Un grande saluto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci proverò Chaggy.

      OT: sai che tra le chiavi di ricerca del mio blog, ce n'è una in cui mi si chiede il tuo compleanno? XD

      Elimina
  3. Prendi una pausa da tutto...bacioni :*****

    RispondiElimina
  4. sei venuto a torino e non sei venuto a trovarmi? guarda ti capisco perfettamente e anzi te l'avevo anche detto: alternerai momenti di equilibrio a momenti di tristezza...magari innescati da piccoli fatti che non c'entrano nulla col tuo "trascorso personale". Col tempo poi i momenti di equilibrio aumenteranno. Un consiglio? tieniti occupato più che puoi, magari anche attraverso la scrittura. Buon proseguimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia è stata quasi una toccata e fuga: arrivo a Torino Caselle nel pomeriggio di giovedì 7 con l'unico volo a disposizione, venerdì mattina concorso (che non si capisce se invalideranno o meno) che dalle 10 è iniziato molto più tardi con vari disguidi e poi ritorno in autobus che partiva alle 17:45. Alla fine ho visto poco e niente. :( Spero di replicare prossimamente e con più calma, Torino è una bella città per quello che ho visto. Mi piacerebbe viverci. :)
      Buona giornata! :)

      Elimina
    2. Sono contento che Torino ti sia piaciuta... Torino è bella e ti consiglio di tornarci... Milano invece è brutta e ti consiglio di evitarla...

      Elimina
  5. Staccare la spina con un viaggio può aiutarti ad allontanarti dai cattivi pensieri, anche se involontariamente ogni tanto tornano. Come dice Chagall, sfogati! Un bacio :*

    RispondiElimina
  6. Hai preso il pullman per tornare a casa :-o :-o
    La prossima volta chiedi a me... ti faccio viaggiare comodamente in treno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che migliori gli orari, mi elimini i cambi, raddoppi i treni e mi aggiungi i binari? ;-)
      Sappi che col treno impiegavo almeno 4 ore in più senza contare eventuali ritardi. -_-"
      Trenitalia è sulla mia lista nera delle cose da evitare come la peste. ;-P

      Elimina
    2. Principe, scusa... non sapevo...

      Elimina
    3. ... sai, io cerco sempre di viaggiare in treno... ad esempio, l'anno scorso dovevo andare a Bonn... ci sono andato in treno e non me ne sono pentito, anzi :-)

      Elimina
    4. Diciamo che nutro molta sfiducia nei treni di Trenitalia. ;)

      Elimina
  7. uhm tutti quei mutamenti sperati nei post precedente pare siano arrivati. Un bel miscuglio di sentimenti e sensazioni, non sai cosa sia? direi che qualsiasi cosa sia sei tu, vivo, reattivo ... non è anche questo un modo per accorgersi che qualcosa lo hai fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro perché allo stato attuale non capisco un tubo.

      Elimina