lunedì 30 gennaio 2012

Moi et les papillons dans l'estomac


Mi domando se per uccidere le farfalle nel mio stomaco, che dimorano da più di un anno abbondante, un banale vermifugo sia sufficiente ...


[...] Tutto questo avverrà, te lo prometto.
Tienti la tua paura,
io con sicura fede l'aspetto.

10 commenti:

  1. Io sto così da un anno e mezzo...se funziona passami l'antidoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca! Hai la mia più totale solidarietà. Un grosso abbraccio. :)

      Elimina
  2. Quest'aria mi commuove sempre, grazie.

    RispondiElimina
  3. ecco ... ma secondo me non serve ucciderle ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ma a volte vorresti che fosse possibile. ;)

      Elimina
  4. Un bel dì vedremo
    levarsi un fil di fumo
    dall'estremo confin del mare.
    E poi la nave appare.
    Poi la nave bianca entra nel porto,
    romba il suo saluto. Vedi? È venuto!
    Io non gli scendo incontro. Io no.
    Mi metto là sul ciglio del colle e aspetto,
    e aspetto gran tempo e non mi pesa, la lunga attesa.
    E uscito dalla folla cittadina
    un uomo, un picciol punto
    s'avvia per la collina.
    Chi sarà? Chi sarà?
    E come sarà giunto che dirà? Che dirà?
    Chiamerà Butterfly dalla lontana.
    Io senza dar risposta me ne starò nascosta
    un po' per celia... e un po' per non morire al primo incontro,
    ed egli alquanto in pena chiamerà, chiamerà:
    piccina mogliettina olezzo di verbena,
    i nomi che mi dava al suo venire.
    Tutto questo avverrà, te lo prometto.
    Tienti la tua paura, io con sicura fede l'aspetto.

    RispondiElimina
  5. Ma che state dicendo?
    :-o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ritrovo molto nella sua situazione di attesa-speranza per questo l'ho inserita a fine post. :)

      Elimina