sabato 12 ottobre 2013

Indietro nel tempo


Avete presente quella frase che si dice di solito nei momenti di sconforto e cioè: "se potessi tornare indietro, farei una scelta diversa"? Ecco, poi di solito passa lo sconforto perché vuoi o non vuoi si va avanti lo stesso. Ebbene, non ho di certo inventato la macchina del tempo, né ho scoperto qualche buco spazio-temporale per poterlo fare, però... in un certo senso, a me è successo di poter tornare indietro. Solo con una piccola grande differenza: ho portato con me una maggiore consapevolezza di me stesso, di quello che sono e di quello che voglio, ho portato con me una maggiore maturità senza però snaturare il mio vero io, ho portato con me una maggior forza e chiarezza, ho portato con me un piccolo progetto imperfetto ma abbastanza realizzabile. Non so come ho fatto, ma mi sembra di essere tornato indietro nel tempo al 1999, un'altra vita, un tempo passato. So benissimo che certe scelte e il passato non possono essere cambiati, ma sempre più spesso mi ritrovo a vivere situazioni passate con la possibilità di fare una scelta più consapevole e matura, per me stesso solo per me, senza ansia da prestazione o chissà che cosa; con la differenza che questa volta non è più il 1999 ma il 2013. Sono più sereno, più tranquillo, più soddisfatto, più sicuro... insomma mi sento più in gamba. Mi sento una persona migliore. Se avessi un lavoro e un amore tutto mio ricambiato, potrei affermare senza ombra di dubbio di essere Felice con la effe maiuscola. Ahimè non ho ancora né l'uno e né l'altro. Se per il primo provo a giocare bene le mie carte, credendo in me stesso e nelle mie capacità, mi sembra quindi un obiettivo più o meno realizzabile; il secondo ormai so che probabilmente non l'avrò mai perché non si può avere sempre tutto dalla vita. Quindi, anche se non ho un lavoro, né un fidanzato-compagno e mi sembra di essere tornato indietro nel tempo... be', sono felice (sperando di non portarmi sfiga da solo per averlo solo pensato e scritto qui sul blog).


When I was in the 3rd grade
I thought that I was gay
Cause I could draw, my uncle was
And I kept my room straight
I told my mom, tears rushing down my face
She’s like, Ben you’ve loved girls since before pre-K
Tripping yeah
I guess she had a point, didn’t she
A bunch of stereotypes all in my head
I remember doing the math like
Yeah, I’m good at little league
A pre-conceived idea of what it all meant
For those that like the same sex had the characteristics
The right-wing conservatives think it’s a decision
And you can be cured with some treatment and religion
Man-made, rewiring of a pre-disposition
Playing God
Ahh nah, here we go
America the brave
Still fears what we don’t know
And ‘God loves all his children’ is somehow forgotten
But we paraphrase a book written
3,500 years ago
I don’t know

And I can’t change
Even if I tried
Even if I wanted to
And I can’t change
Even if I tried
Even if I wanted to
My love, my love, my love
She keeps me warm

If I was gay
I would think hip-hop hates me
Have you read the YouTube comments lately
“Man that’s gay”
Gets dropped on the daily
We’ve become so numb to what we’re saying
Our culture founded from oppression
Yet we don’t have acceptance for ‘em
Call each other faggots
Behind the keys of a message board
A word rooted in hate
Yet our genre still ignores it
Gay is synonymous with the lesser
It’s the same hate that’s caused wars from religion
Gender to skin color
Complexion of your pigment
The same fight that led people to walk-outs and sit-ins
Human rights for everybody
There is no difference
Live on! And be yourself!
When I was in church
They taught me something else
If you preach hate at the service
Those words aren’t anointed
And that Holy Water
That you soak in
Is then poisoned
When everyone else
Is more comfortable
Remaining voiceless
Rather than fighting for humans
That have had their rights stolen
I might not be the same
But that’s not important
No freedom til we’re equal
Damn right I support it

I don’t know

We press play
Don’t press pause
Progress, march on!
With a veil over our eyes
We turn our back on the cause
‘Till the day
That my uncles can be united by law
Kids are walkin’ around the hallway
Plagued by pain in their heart
A world so hateful
Some would rather die
Than be who they are
And a certificate on paper
Isn’t gonna solve it all
But it’s a damn good place to start
No law’s gonna change us
We have to change us
Whatever god you believe in
We come from the same one
Strip away the fear
Underneath it’s all the same love
About time that we raised up

Love is patient, love is kind
Love is patient (not crying on Sundays)
Love is kind (not crying on Sundays)

Macklemore, Ryan Lewis e Mary Lambert (Same Love - Album: The Heist - Anno: 2012)

Quando ero in terza elementare
pensavo di essere gay
perché potevo disegnare, mio zio lo era
e tenevo la mia stanza in ordine
lo dissi a mia madre, le lacrime mi scorrevano sul viso
lei rispose Ben, ti son piaciute le ragazze da prima dell’asilo”
mi gasai
penso lei avesse centrato il punto, no?
un sacco di stereotipi nella testa
mi ricordo che facevo i conti tipo
ok, sono bravo nello sport
un’idea preconcetto di quello che significava
per quelli che pensano che lo stesso sesso abbia le caratteristiche
i conservatori di destra pensano sia una decisione
e puoi essere curato con trattamenti e religione
fatto uomo, elettrizzato da una predisposizione
giocare a fare Dio
oh no, di nuovo
america la coraggiosa
ha ancora paura di ciò che non conosciamo
e “dio ama tutti i suoi figli” è spesso dimenticato
ma parafrasiamo un libro scritto
3500 anni fa
non so

E non posso cambiare
nemmeno se ci provassi
anche se volessi
e non posso cambiare
nemmeno se ci provassi
nemmeno se volessi
il mio amore, il mio amore, il mio amore
lei mi tiene caldo

Se fossi gay
crederei che l’hip-hop mi odierebbe
Hai letto i commenti su Youtube
“oh, è da gay”
guarda il quotidiano
siamo così offuscati da quello che diciamo
la nostra cultura fondata dall’oppressione
non li accettiamo ancora
ci chiamiamo froci
dietro le chiavi di una bacheca di messaggi
una parola radicata nell’odio
e il nostro genere la ignora ancora
gay è sinonimo di inferiore
è lo stesso odio che ha causato le guerre di religione
il genere come il colore della pelle
il colorito del tuo pigmento
le stesse lotte che hanno portato le marce e i sit-in
i diritti umani per tutti
non c’è differenza
vivi, e sii te stesso
quando ero in chiesa
mi insegnarono qualcos’altro
se preghi odio al servizio
quelle parole non saranno consacrate
e quell’acqua santa
in cui ti immergi
diventa avvelenata
quando chiunque altro
è più tranquillo
a restare senza voce
invece di lottare per gli umani
che potrebbero vedersi sottratti i diritti
non sarebbe lo stesso
ma non importa
non c’è libertà finché non siamo tutti uguali
cavolo io lo sostengo

Non lo so

Spingiamo play
non pausa
progresso, marciamo!
con un velo sugli occhi
torniamo indietro alla causa
fino al giorno
in cui i miei zii saranno uniti per legge
i bambini camminano nei corridoio
infettati dal dolore nel cuore
un mondo così odioso
qualcuno preferirebbe morire
piuttosto che essere se stesso
e un certificato sulla carta
non risolverà tutto
ma è un buon inizio da cui partire
nessuna legge ci cambierà
dobbiamo farlo noi
qualunque dio in cui tu creda
nasciamo dallo stesso
tira via la paura
alla fine di tutto è lo stesso amore
è ora che ci svegliamo

L’amore è paziente, l’amore è gentile
l’amore è paziente (non piangere di domenica)
L’amore è gentile (non piangere di domenica)

7 commenti:

  1. Non pensare più a quello che è stato. Capisco che il tono dell'articolo non è positivo, ma cerca di usare tutte le tue forze per concentrarti sull'ora. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il tono del post dovrebbe essere o meglio è di pura felicità, certo se avessi un lavoro e un fidanzato lo sarei ancor di più, ma mi accontento di quello che ho, comunque sono felice e questo è quello che conta. :)

      Elimina
    2. Allora non avevo capito un cavolo XD cosa che accade spesso. XD

      Elimina
  2. Behh Francesco non sai quanto sia felice nel leggere ora i tuoi post :)
    Tu non hai 2 cose per essere felice al100%; io altrettanto. Ricordati però che le tue sono ancora fattibili, le mie (amore ed età) no.
    Quindi ritienti più fortunato e SURSUM CORDAM (è domenica e mi viene spontanea questo invito).
    Continua così...Dario <3

    RispondiElimina
  3. Sono lieta per te.
    Ogni traguardo anche se piccolo o apparentemente insignificabile è sempre un traguardo che può essere il punto di partenza per un nuovo girone dei giochi.
    Inoltre son sicura che prima o poi arriverà anche l'amore ^_^
    Baciuz :-*

    RispondiElimina