mercoledì 11 luglio 2012

Collezioni particolari


C'è chi colleziona francobolli, chi farfalle e chi come me colleziona amori infelici e delusioni à gogo. Oggi ho ampliato la mia collezione. Ho peccato di entusiasmo, sperando che fosse la volta giusta. Non è stato così.  Sono messo così male che mi esalto se mi rispondono per fissare un colloquio di lavoro. Prendiamo in esame solo i curricula inviati (inseriti in database, consegnati a mano, compilati tramite form, ecc.) da fine marzo 2011 fino ad oggi. Sapete in quanti mi hanno risposto? Tolta la telefonata di questa mattina, nessuno. Cazzo, NESSUNO! N-E-S-S-U-N-O. Ovvio che dal computo si dovrebbero togliere i curricula consegnati a mano, ricevendo in cambio una lavata di faccia con le solite parole le faremo sapere, parole diventate ormai un must intramontabile. Usare sinonimi pare brutto? Comunque, dicevo che questa mattina sono rimasto al quanto sorpreso della telefonata, visto che dagli annunci presi dal sito provinciale del lavoro di C. non ho mai ricevuto risposta alcuna; anzi proprio ieri sera per vie traverse, perché si sa che tra disperati si chiacchiera sempre e ci si scambiano dritte, avevo saputo che gli annunci che appaiono lì sono di norma scaduti da un pezzo o già assegnati, insomma un modo per giustificare l'esistenza del loro posto di lavoro pubblico. Non so da voi, ma da me, vi assicuro che il Centro per l'Impiego è un ente di un'inutilità pazzesca che serve sì e no per la redazione di una scheda anagrafica, tra le altre cose mi son sempre chiesto l'utilità di questa scheda che trovo ridondante. Tipo non conosco nessuno che sia stato assunto grazie ad una loro segnalazione. Comunque, mi sono esaltato perché per un curriculum inviato lunedì, ho ricevuto una risposta questa mattina ed ho fatto il colloquio oggi pomeriggio alle 16. Ennesimo colloquio surreale, quasi quanto quello in cui risposi due anni fa in cui cercavano ambosessi per mansioni di segreteria che seppi successivamente (in sede di colloquio) voler dire essere una donna con quinta di reggiseno. Una mezz'ora surreale,  in cui ero sotto esame del titolare, del figlio e della figlia, più il ragioniere capo. Ora, è vero che ciò che mi si chiedeva l'avevo fatto solo a scuola e all'università a mano, ma giuro che adesso con i pc e con i programmi ad hoc (basta pure un semplice foglio excel o meglio ancora un database terra terra) è una cosa semplicissima e meccanica. Alla fine si tratta di inserire delle cifre; roba che a voler essere onesti anche un bimbo di quinta elementare lo sa fare. In pratica alla fine della fiera, mi è parso di capire che mi hanno fatto un colloquio solo per curiosità, manco fossi un freak del circo Barnum. Sì, ho dato il meglio di me; ma mi sono sentito prendere ampiamente per i fondelli. Scrivere annunci più dettagliati per evitare di perdere tempo pare brutto? Tra una decina di giorni mi faranno sapere se è andato a buon fine, ma non richiameranno l'ho capito già dopo 5 minuti che era iniziato il colloquio. Ecco allora che a me viene spontanea una considerazione, mettendo da parte la crisi economica mondiale che qui non c'entra un cazzo, incomincio a credere che: non sono particolarmente sfortunato, sono solo un grande incompetente. Non riesco altrimenti a spiegarmi come sia possibile che non trovi uno straccio di lavoro. A pensarci bene non mi capacito di come non li abbia sfanculati alla grande, quando hanno fatto sottintendere all'ereditarietà dei posti di lavoro, motivo per cui essendo figlio di carabiniere in pensione e di casalinga con passato da supplente delle elementari non avrei potuto fare altro che seguire le loro orme, sottintendendo che fossi un pirla a non aver scelto la carriera militare nell'Arma.
Alla fine della fiera, oggi ho ampliato di un'altra delusione la mia già ricca ed eccentrica collezione. Ormai sono talmente assuefatto al peggio che la speranza che mi possa capitare una cosa bella mi ubriaca e mi fa girar la testa. Non solo, non mi capacito di come per un merdoso errore dovuto ad un mio blackout ai 18/19 anni, a distanza di più di dieci anni, cazzo, più di dieci fottutissimi anni!, ne paghi ancora le conseguenze sulla mia pelle: in pratica mi sono rovinato la vita da solo. Alla faccia di una seconda possibilità, qua a quanto pare non si perdona niente.
Qua un vaffanculo non basta ci vorrebbe l'orribile aggeggio che ha in mano il ragazzo per far piazza pulita. Ma anche no.

Ps: scusate il turpiloquio, ma quando ci vuole ci vuole e a me girano così tanto da produrre energia eolica a sufficienza per illuminare il mondo intero. Abbiate pazienza!


14 commenti:

  1. Ti capisco perfettamente come ci si può sentire. Anch'io appena finito gli studi iniziai a mandare curriculum a destra e manca, un solo colloquio e niente. Poi iniziai a fare concorsi pubblici, ma a quei tempi c'era bisogno della spinta politica, diciamo che anche oggi serve ancora. Capii poi che la spinta politica serviva anche per entrare nel privato, un magna magna indecente. E quando meno me lo aspettavo, mi arrivò la notizia di aver superato un concorso, ovviamente la mia vita poi è cambiata in meglio perchè oggi ho un lavoro che mi permette di vivere, ma allo stesso tempo la stessa mia vita è enormemente condizionata da questo lavoro, che se tornassi indietro, forse non percorrerei lo stesso percorso, vabbè questa è un'altra storia.
    Ricordo pure come un amico che è entrato a lavorare alla Apple solo per un fortuito caso in cui incontrò un amico che già lavorava lì e che gli diede alcune dritte su come presentare il curriculum.
    Quindi devi resistere e continuare a batterti per un lavoro, non devi assolutamente gettare la spugna. Vedrai che quando meno te lo aspetti, tornerà un sole splendente e, probabilmente, accompagnato da tanto di consorte :)

    RispondiElimina
  2. ma l'incazzo ci sta ... i centri per l'impiego funzionano dappertutto allo stesso modo, salvo poi sentirsi consigliere di far girare la 'voce' ta parenti amici e conoscenti e vedrà che un lavoro lo trova. Allora mi chiedo davvero che ci stanno a fare per dare consigli del genere.
    A volte serve avere quel tanto di sangue freddo per dire, signori arrivedrci, non ho tempo da perdere...ma son cose che si scoprono sempre dopo, col tempo ...
    show must go on Prince :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono cose che si scoprono solo col tempo. :)

      Elimina
  3. penso che le cose non vadano diversamente per nessuno che non abbia ereditato un'attività dalla famiglia: curricula, concorsi, colloqui, l'iter è quello; ciò che fa la differenza spesso sono le segnalazioni e le botte di culo...
    il merito e la preparazione spesso [purtroppo] contano relativamente: a far la differenza è la capacità di cogliere un'occasione.
    e quando passerà, tu dovrai farti trovare pronto e coglierla. ci conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscirla a cogliere al volo, allo stato attuale le botte di culo latitano parecchio. -_-"

      Elimina
  4. Tesoro, non sai che voglia ho io di cancellare QUEL fatidico errore...
    E te lo dice una che sai anche dove lavora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, pensavo anche a te. Coraggio che ce la faremo! :*

      Elimina
  5. io ho penato anni per trovare un lavoro, non è sfiga è che spesso i colloqui di lavoro vanno così. Ti chiamano solo per far numero. Anni fa feci un colloquio alla henkel e mentre io parlavo la tipa dell'azienda uscì dalla stanza.Ti ho detto tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi raccontato la tua esperienza. :)

      Elimina
  6. Non vorrei essere indiscreta, ma il fatidico errore in cosa consiste?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplificando, ho avuto un crollo psico-fisico con una leggera forma di depressione e disturbi alimentari, col risultato che in vena di autolesionismo ho fatto scelte piuttosto errate, ho sprecato tempo all'università impiegandoci una vita e in un ramo che non mi si addice totalmente. Allo stato attuale ho mille dubbi su cosa vorrei fare da "grande", peccato che sia già "grande".
      -_-"

      Elimina
  7. Quanto ti capisco... Ho perso il conto dei cv inviati. Credo che invece le risposte ricevute non arrivino a 5...
    Però io ho smesso di avvelenarmi l'anima e lo consiglio pure a te. Ok, fa arrabbiare, ed è pure ovvio e giusto arrabbiarsi. Ma cerchiamo di non superare il limite, perchè il nostro corpo a lungo andare non lo sopporterebbe e ripeto: non avveleniamoci l'anima!
    Un grosso in bocca al lupo Principe Kamar :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento, spero che ci siano buone notizie al più presto per te, ma anche per me. :)

      Elimina