domenica 25 marzo 2012

Un anno fa


Sono combattuto da ieri, giorno della ricorrenza, nello scrivere o meno questo post; ma siccome mi preme le tempie e batte forte come un martello pneumatico, mi sono deciso a metterlo nero su bianco sul blog, sperando di trovare un po' di pace. Mi piacerebbe scrivere che tutto procede alla grande e secondo i miei piani, ma a quanto pare come stratega lascio al quanto desiderare e come pianificatore sono ancora peggio. Mi accorgo che sempre più spesso mi ripeto e che ci sono pensieri, sentimenti, riflessioni e azioni che continuano indisturbate ad essere sempre le stesse, portandomi a pensare che o sono troppo prevedibile o invece nulla è cambiato in questo lasso di tempo e volendo potrei limitarmi ad un banale copia&incolla di pensieri, sentimenti, riflessioni, azioni che sono rimaste immutate nel tempo. 
Non so se tutto ciò sia un bene o un male, ma al momento propendo per il male perché sta a significare che, nonostante tutti i miei sforzi, mi sono limitato ad essere uno spettatore piuttosto che l'attore di questa pièce chiamata Vita. Mi sento fagocitato dal silenzio e rivivere le stesse cose, con la stessa intensità rimasta inalterata dal tempo, mi fa sentire sbagliato. Proprio il fatto che mi senta sbagliato, mi porta ad erigere muri di difesa e tante altre cose, tra cui disertare questo blog perché che senso ha scrivere qui, cercare di analizzare quello che provo, quello che faccio, per tentare di capirmi un po' di più, quando poi invece rimango impantanato sempre nelle medesime cose e faccio sempre gli stessi pensieri? Poi mi scoccia pure passare per uno che si taglia le vene ogni tre per due, per uno che sta sempre male e si lamenta, per un mutrugnone, uno che sta sempre attaccato alla canna del gas in cerca di attenzioni perché non è così, sono anche capace di sorridere e di prendermi poco sul serio. Certo ultimamente ho ben poco per cui sorridere e diventa sempre più difficile sdrammatizzare, ma si prova a farlo sempre. So che alcuni amici, leggendo ciò scuoteranno la testa in segno di disapprovazione mista a rassegnazione, ma ahimè sono fatto così e probabilmente sono fatto male. In un certo qual senso ho smesso di fare aggiornamenti perché trovo umiliante dover ribadire che a distanza di un anno e un giorno dalla mia laurea sono:
  1. ancora disoccupato, sto sempre lì sulla soglia di mollare tutto e smettere di cercare;
  2. vivo ancora con i miei, perché cazzoni che state al governo e in parlamento se non lavoro come cazzo me ne vado via di casa, visto che non posso permettermi di pagarmi l'affitto? Me lo pagate voi?
  3. ancora single col cuore impegnato in un amore folle e (non!?) ricambiato (boh!?), vedi motivi 1 e 2 per intuire in parte alcune difficoltà oggettive che mi impediscono al momento di candidarmi seriamente a suo compagno di vita e di provarci per vedere se funziona o meno, l'altra difficoltà oggettiva è che abito in Culonia. Poi ad essere proprio onesti ci sono altre difficoltà, ma risolte quelle, le altre sono quisquilie. Poi non depone a mio favore pure il fatto che RdS preso (giustamente) dai suoi casini (e giuro che son tanti!), mi "eviti" come la peste e non ho sue notizie dirette dal 9 febbraio. E sto sempre lì col numero di telefono della Sciarelli per chiederle di lanciare un appello a Chi l'ha visto? e in alternativa a scandagliare il web alla ricerca di un suo segno di vita e ad autoconvincermi ripetendomi che sta bene, non ha problemi ed è felice. So che è colpa mia perché non dovevo innamorarmi di un amico e che quindi non dovevo innamorarmi di lui, anche perché oggettivamente un figo come lui non può stare con uno sfigato come me che non ha nulla da offrirgli al di fuori del suo Amore, ma è successo e non posso mica smetterlo di amarlo dall'oggi al domani. Sì, biasimatemi pure; ma quando sarete innamorati e nelle mie stesse condizioni riparliamone, ecco.
A distanza di un  anno e un giorno, mi ritrovo a pensare che è tutto dannatamente uguale ad un anno fa: delusioni e speranze infrante comprese. A furia di sguazzare in tutto quello che non va, mi sto assuefando al peggio e non è una cosa bella né da dire e né da pensare. Ci sono le delusioni dietro l'angolo che ti aspettano al varco con le speranze infrante. Dopo un anno, le mie son sempre là a far comunella. Tutto ciò non mi piace per niente, così come non mi piace per niente il silenzio che mi divora e mi annienta.


Le cose non vanno mai come credi.
Un'altra notte ti svegli e ti chiedi:
se hai sbagliato per quella promessa,
se hai mentito per una carezza.
Per questo viaggio ci vuole coraggio,
per questo amore pieghiamo il destino,
ti resto accanto su questo cammino
però ti prego tu dammi la mano.
[...]
Le cose non vanno mai come credi:
il cuore è pieno di lacrime rotte,
il tempo è ladro di cose mai dette
e so che indietro mai più si ritorna,
eppure ancora ti resto vicino,
stanotte resta su questo cuscino.
 [...] 

Giorgia (Marzo - Album: Greatest Hits - Le cose non vanno mai come credi - Anno: 2002)

16 commenti:

  1. Si vede che questi giorni sono proprio quelli degli anniversari mancati: oggi sarebbero 21 anni insieme con quello che è stato il mio incubo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda l'altro lato della medaglia: oggi sono 21 anni che festeggi la liberazione da un incubo. ;)

      Elimina
    2. Il quindicesimo anniversario della liberazione dall'incubo la festeggeremo il 3 novembre :-)

      Elimina
    3. Allora dobbiamo organizzarci per festeggiare degnamente! ;)

      Elimina
  2. ma ahimè sono fatto così e probabilmente sono fatto male

    ma che giustificazione è? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non è una giustificazione. :)

      Elimina
  3. Quanto mi ci rivedo nei primi due punti... E dalla mia laurea, di anni ne sono passati più di 3 :(
    In realtà credo di rivedermi in molti punti di questo post; pur non conoscendoti, ho pensato che magari anche tu come me sei additato come un pessimista, quando invece sai benissimo che non è così e che forse sono gli altri a non distinguere la differenza tra l'essere realisti/obiettivi e l'essere pessimisti. Poi, che non si abbia il sorriso sulle labbra e la voglia di fare festa quando tutto rema contro, non mi pare sia sintomo di pessimismo, eppure per molti pare sia così...mah...
    Un grosso in bocca al lupo, sincero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberto e ti auguro un grosso in bocca all'orchetto sperando che la tua condizione lavorativa migliori presto, sai com'è sono un amante dei lupi, anzi vorrei proprio sposarne uno. ;)

      Elimina
  4. si mi ci ritrovo pure io in alcuni punti ... mi è rimasta impressa questa massima del mio John Lennon: il problema non sono i problemi, ma il modo di affrontarli.
    Sto cercando di metterla in pratica: sembra che funzioni per ora.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì, anch'io sto provando a risolverli nella maniera che ritengo più corretta per me. :)

      Elimina
  5. Come non ti piace Carlinhos Brown?! xD
    Guarda, se ti riferisci ai brani più ritmici, comprendo. Ma ci sono alcune ballate che trovo struggenti, anche se non facilissime. Hai sentito il duetti con la Monte? Si intitolano "Carnlismo" e "Musico".
    Vabbé... perdona l'errore xD Prova "Yellow daffodils" di Malia. Vediamo se riesco a recuperare. xD
    Un saluto, Principe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlinohs Brown non mi ha entusiasmato più di tanto, ma io ho ascoltato solo l'album El milagro de Candeal. Appena posso vedo di recuperare i duetti con Marisa Monte e comunque in genere i tuoi consigli musicali e i tuoi gusti musicali mi piacciono un sacco. Baci! :)

      Elimina
    2. Io le canzoni di Brown le ho scoperte con gli adattamenti italiani che ne ha fatto la Vanoni. Che molti odiano, ma che a me piace, almeno quando canta la musica brasiliana.
      Magari Malia ti piace di più ;) provala.
      E grazie per "Le baiser de la lune" non lo conoscevo.
      Buona giornata, principe.

      Elimina
    3. A me piace tantissimo la Vanoni: la trovo una delle migliori interpreti italiane. Grazie per i suggerimenti musicali e non. ;)
      Buona giornata anche a te! :)

      Elimina
    4. Eh, hai buon gusto. xD La Vanoni è forte. Il disco in cui trovi gli adattamenti delle canzoni di Brown e della Monte si intitola "Argilla".
      Grazie a te, davvero.

      Elimina
  6. Mmmm, sono sensazioni che ho anche io ultimamente :(
    Sarà la primavera che al posto di portare nuovi amori porta vecchi pensieri??

    RispondiElimina